Cerca nel blog

venerdì 24 maggio 2013

L'ultimo fra gli invotabili: il ginecologo Giovanni Centini (Lista Valentini)

 
   Eccoci dunque alla fine della seguitissima carrellata sugli invotabili delle Amministrative 2013: dopo il pittoresco sellato Cannamela, dopo la iperceccuzziana Rita Petti, dopo soprattutto il guardalinee moggiano Mazzei Gennaro (il quale ha visto bene, a questo giro, di non replicare al pezzo ereticale), oggi tocca ad un pezzo grosso della Sanità senesota: doppio gusto, quindi, per l'eretical palato!

  Il professor Giovanni Centini, stimato ginecologo, ha deciso di buttarsi in politica, folgorato sulla via del Valentini (soprattutto dopo che lo stesso ha concluso l'accordo con il plenipotenziario della Sanità locale, il Gran visir Alberto Monaci, Presidente del Consiglio regionale: l'uomo cui neanche Rossi Enrico può dire no).
 E allora, diranno i lettori? Non siamo tra l'altro di fronte ad una tornata elettorale infarcita di medici (Neri e Tucci, solo per citare i due candidati a Sindaco)? Ed un medico non è più politicamente spendibile di un gelataio precario, forse?
 Tutto giusto e condivisibile; tra l'altro, risultati alla mano, pare che la famiglia Centini, all'ospedale senesota, sia una potenza: bravi come loro, non c'è nessuno. Gli altri, biliosi, se ne facciano una ragione.
La figlia del candidato valentiniano, Eleonora, lavorava fino a meno di un mese fa all'Unità operativa (Affari generali), occupandosi della questione dell'asilo delle Scotte; improvvisamente, è stata trasferita al sedicente DIPINT (un "coso" burocratico meritevole di stimolante approfondimento, ma in altra sede), in un ruolo più prestigioso e di più ampio respiro. Unica non universitaria ad essere nella squadra di questo "dipartimento amministrativo gerarchicamente dipendente dal Direttore Amministrativo dell'AOUS" (fonte "Le Scotte informa", febbraio 2013, pagina 1).
 Per chi fosse distratto lettore del blog, chi è il Direttore Amministrativo dell'AOUS? Il mitico dottor Giacomo Centini, colui che inserisce, fra i titoli del suo Curriculum vitae, la lingua italiana fluente...
Capito dunque il tutto?
 Eleonora Centini, figlia del ginecologo Giovanni Centini (candidato del Valentini), viene selezionata, ad un mese dalle elezioni, dal cuginetto Giacomo, Direttore Amministrativo della stessa struttura!  
 Questi Centini, insomma, sono davvero bravi, medici o amministrativi che siano: il Valentini vuole premiare il merito e la trasparenza, no? Che colpa ha lui, se gli capita di candidare i migliori? Onore al merito.

 Ora l'eretico la spara grossa: pensate un po' cosa si potrebbe dire se, dopo quanto appena detto sui rapporti familiar-ospedalieri centiniani, si arrivasse a scrivere che il figlio del candidato Giovanni Centini (quindi fratello della selezionata ed appena citata Eleonora, nonché anch'egli ovviamente cugino di Giacomo Direttore amministrativo) facesse il medico (a contratto) in Ginecologia, cioè proprio dove il padre (il candidato valentiniano) ha lavorato proficuamente per anni?
Verrebbe fuori un pandemonio, se fosse rispondente al vero!
Verrebbe da dire, tutti insieme, in coro, urlando a squarciagola: aridatece Franchino il Ceccuzzi...

23 commenti:

  1. Caro Eretico,
    non voglio parlare del candidato Centini, ma del suo dominus, perchè questa volta non sono d'accordo con te.
    Quando uno afferma "....c'è davvero bisogno di uno scatto di orgoglio. Possiamo e dobbiamo mostrare a tutti che Siena è migliore di come l'hanno dipinta, con la complicità di forze interne che hanno deliberatamente scelto la strada del catastrofismo a scopo elettorale....", come se la cattiva immagine che colpisce la città non sia dovuta alla cattiva amministrazione dei suoi compagni, ma addirittura a catastrofistiche forze interne (tu, per caso, sei una catastrofistica forza interna?), e poi continua "....per arrivare fin qui ho dovuto convincere il pd che occorreva una svolta netta di persone e di programmi attraverso la verifica democratica, che altri si sognano..." quando il codazzo (o gli occhi non mi funzionano bene?) è sempre il solito, come si fa a non essere folgorati sulla via di Valentini?
    Netta mi sembra, la discontinuità con Franco Ceccuzzi!!!!!


    RispondiElimina
  2. Raffaele ottimo pezzo, ma ce ne manca una parte. Allora devi sapere che la Signora Centini, ginecologa anch'essa, da "ragazza" si chiama Rosignoli. Bada caso è la sorella della Signora Rosignoli in Mancuso, ex difensore civico, ex membro deputazione, ex assessore all'urbanistica ceccuzziano, ex difensore civico degli studenti all'università più dissestata della galassia (in pieno conflitto di interessi fra l'altro visto che poniamo il caso che si fossero recati da lei a lamentarsi degli studenti maltrattati dal marito che decisioni avrebbe preso?). E Mancuso, lo si sa, è il coordinatore di Siena Cambia (cambia????). Per non parlare del presidente del comitato elettorale Giovanni Minnucci legato a filo doppio a Mancuso medesimo (sono sulla stessa materia come ben sai visto chi è il tuo babbo). Che dire? Senza scadere nel leghismo, ma la battuta ci sta tutta: da un catanzarese ad un altro.

    RispondiElimina
  3. Scusami Eretico, ma fra tutti gli invotabili ti sei dimenticato il pesce più grosso, quel Mauro Marzucchi che è stato uno dei vertici nelle vecchie giunte responsabili del disastro finanziario odierno. Più che invotabile sarebbe per decenza impresentabile, ma questi principi sono di altri mondi e lui vuol farci credere che è arrivato lindo in questa città dal pianeta Botero, paracadutatoci nel Castellare e rimbalzato in Camollia. C'è da augurarsi che non lo voti neanche "Nessuno" !

    RispondiElimina
  4. Ho scoperto per caso che una mia conoscente è candidata alle prossime elezioni comunali grazie ad uno dei tuoi ultimi post. Una persona attiva, perbene, mamma e nonna da poco, che vive onestamente del suo lavoro e non di raccomandazioni o prebende politiche.
    Sarebbe stata la cosa più naturale di questo mondo lasciarmi un volantino nella cassetta della posta o bussare alla porta di casa per dirmi: "sono candidata a consigliera comunale, se vuoi puoi darmi il tuo voto".
    Non l'ha fatto (cosa che invece hanno fatto altri) e l'ho apprezzato enormemente.
    So che se non verrà eletta non ne farà un dramma: tornerà alla sua vita quotidiana, al suo lavoro e a curarsi della sua famiglia.
    La dignità delle persone si misura anche da queste piccole cose: se confronto il suo comportamento con i comunicati stampa e l'invadenza mediatica di tanti altri candidati noto una distanza siderale.
    Cara Beatrice, la mia preferenza sulla scheda elettorale domenica la do a te!

    MICHAEL KOHLHAAS

    RispondiElimina
  5. Chi conosce la storia di quella ragazza sa che ha dovuto ricorre ripetutamente al supporto del sindacato, contro Giacomo suo cugino, solo per farsi trasferire di ufficio...mi viene da pensare che stavolta i tuoi informatori, quantomeno su quella parte della storia, siano mossi più dall'invidia che dalla spinta verso la corretta informazione

    RispondiElimina
  6. Vorrei ricordare all'Eretico che il candidato Centini Giovanni e' anche il cognato dell'Assessore ceccuzziano Paola Rosignoli. Tutto in famiglia, quindi.

    RispondiElimina
  7. Caro Eretico, penso che non cambierà nulla. Vede oramai la cultura , la sanità , scuola , la finanza, hanno subito una stratificazione di corruzione tale che niente può essere corretto. É paragonabile a una grande quercia oramai morta e vuota nel tronco, è li in piedi, non si sa quando cadrà, mentre le termiti sempre più voraci la finiscono. Un giorno cadrà. E ne crescerà un' altra migliore.

    RispondiElimina
  8. Eretico caro, che c'entra Ceccucci o Valentini o lo stesso Neri? Il sistema siena prescinde dal capobastone di turno. mi sembra che la famiglia Centini sia uno di quei nuclei familiari che da quarant'anni e più vivono la città trasversalmente,(vai a vedere che professione svolgeva la moglie del venerando e rispettabilissimo ex direttore dell'associazione industriali negli anni '90) riuscendo a scavarsi nichie ambite indipendentemente da chi comanda. Mistero....Bravi loro o fessi noi? Francia o Spagna purchè....

    RispondiElimina
  9. Caro Eretico, siccome il blog vuole costruire verità con quanti più elementi possibile mi sembra doveroso aggiungere alcuni fatti che non sono secondari. Da quel che risulta, il Dott. Centini, che tutti a Siena conoscono e apprezzano per la sua professionalità, lungi dall'essere stato beneficiato in alcunché dalla casta e dalla sanità senesota, è stato, anzi, trombato da quest'ultima andando in pensione da ricercatore 'semplice' non potendo dunque scalare le vette politico-accademiche riservate agli 'obbedienti' proprio per il suo caratteraccio libertario e non 'pieghevole'. Mi risulterebbe anche che la figlia Eleonora si è laureata diversi anni fa con lode in giurisprudenza in diritto internazionale e, per anni, nonostante il superamento di un concorso pubblico (e non per 'contrattini' al limite del lecito), ha lavorato a tempo determinato e, probabilmente, sta meglio adesso a lavorare al dipartimento delle relazioni internazionali piuttosto che (come faceva prima del trasferimento non costato un euro) alle iscrizioni all'asilo. I nomi non sono sempre conseguenza delle cose e viceversa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per "scalare le vette politico-accademiche" servono anche altri requisiti, tipo le pubblicazioni.

      Elimina
  10. Giovanni Centini è ginecologo ora in pensione,il figlio è specializzando in ostetricia e ginecologia,la figlia Eleonora lavora in azienda ,il nipote Giacomo è direttore amministrativo ,Paola Rosignoli è sua cognata.E' un groviglio armonioso familiare...la cosa più preoccupante è
    che il candidato nasce tra le panche del costone e passa con facilità da altra parte per usare il trampolino di lancio dei consultori e crearsi un giro professionale.E'persona che va dove conviene.A lui però.

    RispondiElimina
  11. Il commento anonimo delle 08:08, destinato con il solito canovaccio da novella 2000 a persone per bene e stimate, è un classico del repertorio meritevole di un unico posto: la spazzatura, sempre che i destinatari non vogliano perdere tempo con una bella querela.

    RispondiElimina
  12. Eleonora Centini25 maggio 2013 18:47

    La chiarezza e la veridicità delle notizie, specie in un blog di controinformazione, devono essere sempre punti di eccellenza. Leggendo questo articolo, invece, risulta chiaro che chi l’ha scritto non è a conoscenza del mio iter formativo e professionale. E’ comunque opportuno precisare che il cambio di ufficio “incriminato” è avvenuto come semplice amministrativa, senza avanzamento di carriera, con selezione conclusa nel febbraio scorso. Ritengo pertanto che l’attacco strumentale verso la mia persona sia ingiustificato.

    Eleonora Centini

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Vedo che i valentiniani, dopo il guardalinee moggiano Mazzei Gennaro, continuano a dare lezioni di giornalismo al sottoscritto: molto significativo, direi, quanto a discontinuità con il regime ceccuzziano.
      Nel merito di quanto scritto dalla dottoressa Eleonora Centini, solo un paio di cose:
      1) l'attacco era rivolto al padre (non a caso candidato), non a lei: ma lei non può fare finta di non provenire da una famiglia - come dire - influente;
      2) la dottoressa Centini parla di "selezione conclusa nel febbraio scorso". Omettendo curiosamente di specificare il punto cruciale: il ruolo del cuginetto Giacomo nella suddetta selezione. Il fatto che non abbia avuto alcun avanzamento di carriera, è del tutto irrilevante: bisognerebbe semplicemente che, quando uno si fa giudicare, non ci fossero parenti stretti di mezzo, nelle procedure di selezione. Si tratta cosa di palmare evidenza (evidentemente non per tutti).
      Così, cara dottoressa Eleonora Centini: per un vago senso di rispetto verso chi non ha cuginetti Direttori amministrativi del posto in cui lavora (peraltro, lui, senza averne i requisiti necessari...).

      L'eretico

      Elimina
  13. Che replicona! In gamba questi Centini...

    RispondiElimina
  14. Sfugge la logica di quel commentatore che auspica querele per due ragioni: la prima è che se si perdesse il vizio di querelare per qualsiasi fesseria o insinuazione o battuta, sia pure pesante (ma non è il caso in parola) si starebbe tutti meglio e i tribunali forse potrebbero fare il lavoro, quello serio, per cui sono - fra l'altro profumatamente - pagati.
    La seconda ragione, pur sapendo che in Italia la diffamazione è punita anche se il diffamante dice la verità, è che non si capisce dove sia la diffamazione, né - peraltro - l'assimilazione a giornali di tipo scandalistico. Il pezzo dell'eretico, da questo punto di vista è più insinuatorio visto che si potrebbe facilmente dimostrare, e lo si fa o si tenta di farlo nei commenti, che i parenti del dottor Centini sono nei posti che occupano esclusivamente per meriti e non per parentela. Il commento incriminato invece integra quello dell'eretico con semplici fatti, del tutto incontestabili e provabili e non entra nel merito (nessuno insinua che i soggetti richiamati NON dovessero essere dove sono o sono stati). Si fa semplicemente notare che in quattro occupano o hanno occupato, in una città di 50.000 abitanti, posti per quindici persone. Riesce difficile ritenere che non si potesse trovare un'altra po' di gente al fine di ridistribuire un po' di più le cariche, ma tant'è ... Se invece la querela fosse auspicata per l'affermazione finale sembrerebbe che l'autore del commento premetta a chiare lettere che si tratta di una battuta, pesante quanto si vuole, ma sempre battuta. Via su. Un po' meno permalosi e si campa tutti meglio. E i giudici lasciamoli lavorare su cose più serie che già sembra facciano parecchia fatica ultimamente. Si vede che non ci sono abituati.

    RispondiElimina
  15. Giovanni Centini è persona conosciuta in città.Gli elettori sapranno valutare e decidere se vorranno essere rappresentati da lui.

    RispondiElimina
  16. Capisco il disappunto di Eleonora Centini,che essendo una brava persona, paga sempre un prezzo che non si merita di pagare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, la conosco ed indipendentemente da chi sia il padre, il cugino, il fratello e' una persona seria, educata e preparata... non e' poco considerato quello che si vede in giro.

      Elimina
  17. I figli non devono pagare gli errori dei genitori! In azienda ci sono tanti figli di primari, qualcuno meritevole
    altri no, anche il figlio del DIRETTORE GENERALE è specializzando nel nosocomio senese , questo non significa che non sia bravo.E'la consuetudine ad un sistema sbagliato che non va bene ,quindi attenzione alle persone che voteremo.

    RispondiElimina
  18. Siamo stufi di accordi politici che riguardano la sanità!
    Gli infermieri i medici e gli amministrativi , dovrebbero tener fede al loro mandato e smetterla di fare politica
    negli uffici e nei reparti.La politica in ospedale ha solo creato fazioni,non ha certo dato soluzioni assistenziali e
    organizzative.Occore una dirigenza forte (al momento è in stato confusionale)e le persone che credono nel proprio lavoro hanno il dovere di dar collaborare nonostante gli errori commessi dalla dirigenza stessa.

    RispondiElimina
  19. Ma il nostro bilioso ex membro del sistema siena poi diventato eretico una volta trombato dal sistema stesso, cosa ha scritto?
    Cosa c'é di fattuale? Irregolaritá amministrative? Procedurali? Selezioni illegittime?
    Favoritismi? Scatti ingiustificati?
    La colpa qual'é? Avere dei parenti che fanno lo stesso mestiere in una cittá piccola in cui c'é un solo ospedale?
    La proposta qual'é? Impedire per regolamento che un medico abbia figli medici? Imporgli l'emigrazione forzata nel caso volessero vergognosamente intraprendere la medesima professione del padre?
    O sono solo generiche contumelie scritte ad minchiam perché bisogna pur scrivere qualcosa per coltivare il proprio orticello di visibilitá anche quando la magistratura ci ha spogliati del titolo di eretico trasformando l'eresia in procedimenti guudiziari?

    Piú che altro, un discreto squallore ormai pervade queste pagine, stantio squallore.

    RispondiElimina
  20. Caro anonimo,
    io qualche fatto l'ho portato, semplicemente elencando un reticolo di parentele intra moenia che a qualunque latitudine farebbe scandalo (a Siena parecchio meno, evidentemente).
    Scrivi - a proposito di bile - che "il nostro bilioso ex membro del sistema siena (sarebbe meglio maiuscolo, Ndr) poi diventato eretico una volta trombato dal sistema stesso". I fatti, dove sarebbero?

    A differenza, probabilmente, di chi attacca, il sottoscritto non ha MAI fatto parte del Sistema Siena: nel caso mi fossi sbagliato, attendo ulteriori delucidazioni in tal senso. Ci potrebbe essere da divertirsi: visti i tempi grami, cosa c'è di meglio?

    L'eretico

    RispondiElimina